Comunicato stampa Comitato Alta Tensione – 28.01.13

                                                   An English text follows the Italian

L’azione congiunta da parte del Comitato Alta Tensione, dei cittadini e dei Comuni del Valdarno Aretino, del Chianti Senese e della Val di Chiana dopo due anni di presa di coscienza reciproca su ciò che la società Terna stava via via proponendo per far passare su uno degli ambienti più belli della Regione Toscana un massiccio elettrodotto a 380kV lungo 80 km, ha raggiunto l’obiettivo di poter finalmente discutere sul significato e sulla reale necessità di questa opera devastante.

La Regione Toscana con la prima delibera del dicembre 2010 era stata già fortemente critica sul progetto presentato da Terna, riscontrandone gravi lacune e forti contraddizioni.

Durante il 2011 e parte del 2012, dopo la sospensione della Valutazione di Impatto Ambientale da parte del Ministero dell’Ambiente, che avrebbe di fatto reso esecutivo il progetto, Terna ha presentato due altre varianti di tracciato sempre lacunose e del tutto prive di garanzie procedurali.

La Regione Toscana, sentiti i pareri di tutti i Comuni interessati, con la delibera del 7 gennaio 2013 n.90 ha di fatto invitato il Ministero dell’Ambiente a “una pronuncia interlocutoria negativa”.

Del resto all’interno della suddetta Delibera regionale si ritrovano alcuni punti fondamentali da sempre sostenuti dal Comitato Alta Tensione, quali:

  • §         la scarsità delle analisi;
  • §         la completa scorrettezza procedurale;
  • §        

Trena, tra l’altro, non ha mai affrontato di valutare anche i benefici del “non fare” come pure i danni economici del “fare”.

Il Comitato Alta Tensione espressione di numerosi cittadini nonché promotore di una petizione contro l’elettrodotto che ha raggiunto oltre 7200 sottoscrizioni ringrazia la Regione Toscana per la posizione chiara e netta che ha voluto assumere rispetto alla proposta di un’opera decisamente impattante su una ampia parte del territorio regionale.

Il Comitato Alta Tensione ringrazia anche le Amministrazioni Comunali che hanno fatto opposizione unitamente alle azioni del Comitato e in modo particolare i cittadini e i giornalisti locali che hanno sostenuto le sue ragioni.

Il Comitato Alta tensione per un più dettagliato ed ampio approfondimento della posizione della Regione Toscana e delle nostre future strategie per continuare a perseguire l’obiettivo di contrastare lo scempio del nostro paesaggio e delle sue attività agricole e turistiche organizzerà prossimamente un incontro pubblico ad Ambra nel comune di Bucine.

  •        

High Tension Committee (Comitato Alta Tensione) Press Release - 28.01.13

Some two years after having become aware of a project that the company, Terna, was proposing so as to facilitate the construction of a massive 380kV 80-kilometer power line across one of the most beautiful areas of the Region of Tuscany, the High Tension Committee, the public, and the municipalities in the Valdarno Aretino, Chianti Senese and Val di Chiana areas have, through their joint action, achieved the objective of finally being able to debate the significance and the genuine need for this dreadful project.

With its first resolution on the matter in December 2010, the Region of Tuscany had already been highly critical of the project presented by Terna, detecting serious shortcomings and contradictions.

During the year of 2011 and part of 2012, after the Ministry of the Environment's suspension of the Environmental Impact Evaluation (which would have led to the implementation of the project), Terna filed two other variations of the tract; those variations also had shortcomings and completely lacked any procedural guarantees.

After having consulted all of the municipalities involved, the Region of Tuscany, with its resolution no. 90 of 7 January 2013, has urged the Ministry of the Environment to render a 'negative interlocutory judgment' with reference to the project.

Furthermore, the aforementioned regional resolution contains several fundamental points repeatedly argued by the High Tension Committee, namely:

  • §         Insufficient analysis;
  • §         Complete procedural impropriety;
  • §        

Amongst other things, Terna has never evaluated the benefits of not executing the project or the economic damages of executing it.

The High Tension Committee, which is the voice of numerous individuals as well as an entity promoting a petition against the power line (which has secured more than 7,200 signatures) thanks the Region of Tuscany for the clear and decisive position that it has taken with respect to a proposal for a project that would certainly have an impact on a broad area of the regional territory.

The High Tension Committee also thanks the municipal authorities who opposed the project in concert with the Committee's actions; a special thanks also goes to the public and the local journalists who supported the Committee's line of reasoning.

The High Tension Committee will shortly be organizing a public meeting in Ambra (Municipality of Bucine) in order to conduct a more detailed, in-depth review of the Region of Tuscany's position and to plan the future strategies for continuing to pursue the objective of fighting the destruction of the local landscape, and the local farming and tourism activity.

Alta Tensione Comunicato Stampa - High Tension Committee Press Release 28.01.13
Comunicato Stampa - Press Release 28.01.
Documento Adobe Acrobat 60.7 KB

DIVENTARE SOCIO!


Ti invitiamo a sostenere il comitato diventando socio e pagando una quota di €20 – per pagare clicca sul “paga adesso” - Si può quindi scegliere tra il pagamento con carta di credito o PayPal Grazie

 

 

 

BECOME A MEMBER!

 

Please support the committee by becoming a member and paying an annual subscription of € 20 – to pay click on ‘ paga adesso’ – You can then choose between paying with a credit card or PayPal - Thank you

 

 

L’ambiente, con tutte le sue peculiarità naturali ed umane non può sopportare di essere sempre sacrificato in nome di un rinnovo tecnologico che non si dimostri indispensabile e che risulti inutilmente dispendioso. “ 

 

The environment, with all it’s natural and man made features, cannot withstand the increasing threat from technological advances that do not prove to be indispensible and are unnecessarily costly..